Degustazione di Sagrantino di Montefalco con Sandro Camilli

Giovedì 28 maggio 2015 alle ore 21:00 presso, lo Sheraton Lake Como Hotel (già Grand Hotel di Como), avremo una degustazione di Sagrantino di Montefalco accompagnati dal professor Sandro Camilli.

«La sera del 28 maggio entreremo nel vino che ha reso famosa l’Umbria in tutto il mondo. Scopriremo la sua stroria, le sue caratteristiche organolettiche ed il suo territorio: l’uva Sagrantino, rara e preziosa, coltivata solamente nelle colline vicino a Montefalco; ha caratteri fortemente diversi rispetto le altre grandi uve italiane. Insieme scopriremo le sue identità principali, i suoi modi di essere nelle diverse fasi di maturazione, arrivando a degustare la notevole annata 1999 di un produttore storico, come storica ed intrigante è la sua personale storia di vita. Troveremo il Sagrantino anche passito dolce, prima caratteristica conosciuta di queste uve, solo in seguito vinificate in forma per dare un vino rosso secco, non più solo passito dolce.»

Giorgio Rinaldi

Il relatore: Sandro Camilli

Ci guiderà in questo viaggio tra storia, territorio e vitigni, il professor Sandro Camilli, da Terni, figura di primo piano in ambito associativo e non, e da alcuni anni presidente di AIS Umbria.

Le etichette in degustazione

  1. Collenottolo, 2010
    Tenuta Bellafonte
  2. Campo Alla Cerqua, 2010
    Tabarrini
  3. Il Domenico, 2006
    Azienda Agricola Adanti
  4. Arquata, 1999
    Azienda Agricola Adanti
  5. Passito, 2009
    Arnaldo Caprai

Il Sagrantino: un po’ di storia

Risale agli inizi del 1500 il primo documento ufficiale che cita il nome del vitigno, che è stato trovato nell’archivio notarile della città di Assisi.

Secondo alcune fonti l’uva era coltivata dai frati francescani e proveniva dai pellegrinaggi che gli stessi frati facevano in Medio Oriente (Siria).

Dalla vendemmia si ricavava un vino dolce, passito destinato ai riti religiosi, da qui la probabile assonanza tra sacro e sagrantino.
In effetti, per anni, nonostante vicissitudini per guerre e ricostruzioni con rischi di scomparsa, il vino dolce fu utilizzato come vino della festa da abbinare all’agnello e alla torta pasquale umbra.

È dell’anno 1540 una ordinanza comunale che stabilisce ufficialmente la data di inizio della vendemmia a Montefalco. Questa ricorrenza è perpetuata ancora oggi, grazie alla Confraternita del Sagrantino che, ogni settembre, raduna in piazza paesani e forestieri per la cerimonia di inaugurazione ufficiale della
vendemmia e per la lettura della storica ordinanza.

Negli ultimi anni ’70 si inizia la produzione della versione secca, che ottiene la DOC nel 1979; dopo dopo anni di affinamenti e miglioramenti diventa DOCG nel 1992.

Il disciplinare di produzione e i grandi protagonisti di questa valorizzazione del territorio ci saranno raccontati ampiamente dal relatore. Ora, soprattutto a scopo didattico per i neosommelier, ecco brevi profili organolettici dei vini in degustazione ricavate dalle guide dei vini AIS.

Profili organolettici dei vini in degustazione

  1. Collenottolo, 2010, Tenuta Bellafonte
    Alcol: 14,5% • Valutazione: 4 viti (Vitae 2015)
    Rubino con venature granato. Olfatto complesso e stratificato. Lunghissima successione di profumi nitidi e ben definiti: bacche di rosa canina, mirtilli, fragoline di bosco, ginepro, tabacco; minerale e delicatamente speziato. Gusto potente ed elegante. Tannino gustoso e freschezza proporzionata. Presenza cospicua di struttura e alcol. Persistenza molto lunga.
  2. Campo della Cerqua, 2010, Tabarrini
    Alcol: 15,5% • Valutazione: 4 viti (Guida AIS, 2015)
    Rubino intenso e luminoso. Impostazione olfattiva di grande personalità: nitide sfumature fruttate e floreali perfettamente fuse, cassis, amarena, rosa canina, viola appassita, spezie orientali. Assaggio di grande volume, piacevole, non pesante per la levigatezza dei tannini. Alcolicità e aromaticità di classe. Lunghissima persistenza.

Da questi due vini, essendo le annate più recenti, dovremmo avere solo conferme dalle analisi descrittive sopra riportate.

  1. Il Domenico, 2006, Azienda Agricola Adanti
    Alcol: 15,5% • Valutazione: 4 grappoli (Guida AIS, 2012)
    Granato di buona trasparenza. Al naso, profluvio di liquirizia e rovere antico… more e ciliege sotto spirito, caffè, carrube e goudron.
    Gusto elegantemente tannico; è caldo e robusto, affascinante persistenza speziata.
  2. Arquata, 1999, Azienda Agricola Adanti
    Alcol: 14% • Valutazione: 4 grappoli (Guida AIS, 2004)
    Rubino con tenui riflessi granati. Olfatto: frutta leggermente surmatura di prugna contornata da sfumature di erbe aromatiche, sottobosco, pepe nero e cuoio. Bocca di media densità, con tannino di buona rotondità, considerata la lunga sosta in barrique, tonneau 5 hl e botte grande 29 hl per 2 anni. Buono il potenziale evolutivo grazie alla freschezza che accompagna un finale lungo.

Da questi due vini, le cui analisi organolettiche si riferiscono agli anni di uscita passati, dovremmo capire l’evoluzione del vino nel tempo e la loro diversità nell’ambito di stesse vigne e stessa filosofia di produzione.

  1. Passito, 2009, Arnaldo Caprai
    Alcol: 15% • Valutazione: 4 grappoli (Guida AIS, 2014)
    Rubino monolitico. Olfatto: note avvincenti di cioccolato nero, nocciole tostate, confettura di sottobosco, vaniglia e menta, crema di caffè. Bocca dolce e appagante, sontuosamente tannico e molto persistente.

Costo e prenotazioni

Il costo della serata è di 45,00 euro a persona.

A causa del numero limitato di bottiglie, questa degustazione è a numero chiuso per un massimo di 60 posti. Potrete portare accompagnatori e il pagamento avverrà durante la serata stessa.

Quando?

Giovedì 28 maggio 2015, alle ore 21:00

Dove?

Sheraton Lake Como Hotel
via per Cernobbio 41/A
22100 Como (CO)
Guarda la mappa

Posteggio coperto gratuito disponibile a 50 metri dal Grand Hotel.

Prenotazioni

Per partecipare alla degustazione potete contattare Arianna Andreoni:

  • via SMS, al numero +39 348 221 3706
  • via e-mail, all’indirizzo ari.andreoni@aiscomo.it

Vi preghiamo di prenotare esclusivamente via SMS o via e-mail. Per favore, non telefonate.

Cancellazione della prenotazione

Se avete prenotato e per un imprevisto non vi è possibile partecipare, vi ricordiamo che potete disdire fino a 3 giorni prima della manifestazione (o trovare un sostituto socio). In caso contrario vi verrà ugualmente addebitato il costo della degustazione.

 

Photo Credits: Empson USA Inc., Sagrantino Grapes.