Archivi categoria: Degustazioni

Dal podio alla vigna: Jarno Trulli e i vini del Podere Castorani

Sarà il sangue abruzzese che gli scorre nelle vene, o sarà il nome finlandese che mamma e papà gli avevano avevano dato in ricordo del campione motociclistico finlandese Jarno Saarinen: per Jarno Trulli, campione di Formula 1 e produttore vitivinicolo, vino e corse sono due passioni che ha sempre portato avanti di pari passo.

Nel 1999, appena venticinquenne, dopo soli due anni dal suo esordio in Formula 1, insieme a 3 soci rilevò Villa Castorani, una tenuta abruzzese risalente a fine Settecento. Per anni la Villa aveva goduto di grandi tradizioni vitivinicole, ma negli ultimi anni del Novecento era stata lasciata all’abbandono.

L’obiettivo? Riportare la tenuta agli antichi splendori, puntando a una viticoltura di qualità, rispettosa della natura e attenta alle tradizioni, senza però tralasciare creatività e innovazione.

Un esempio? Innamorato dell’Amarone, Jarno decise di applicare lo stesso metodo produttivo con uno dei vitigni abruzzesi più nobili ed eleganti: il montepulciano.

Ma mentre le uve dell’Amarone appassiscono nei fruttai, curate dall’occhio attento dei viticoltori, le uve del montepulciano appassiscono in un’apposita unità ad umidità controllata, controllate dall’occhio attento dell’alta tecnologia. Sì, perché per progettare e realizzare quella camera, la prima nel suo genere, Trulli chiese una mano agli ingegneri del suo team Toyota.

Nacque così Jarno Rosso, il vino che porta il suo nome, un grande successo apprezzato e premiato in tutto il mondo.

Oltre al vino Jarno, prodotto anche in versione bianco a base di Trebbiano, il Podere Castorani produce circa una ventina di etichette, con una produzione che negli anni è passata da circa 20.000 bottiglie a oltre 1 milione. Che dire, un grandissimo traguardo!

Vi aspettiamo mercoledì 11 settembre per conoscere Jarno e degustare insieme 6 etichette. Condurrà la serata Edoardo Ceriani, capo-redattore de La Provincia di Como.

I vini in degustazione

  • Metodo Classico Millesimato Passerina 2011
  • Amorino Pecorino DOC Superiore 2018
  • Trebbiano d’Abruzzo 2014
  • Cerasuolo d’Abruzzo DOC Superiore  2018
  • Montepulciano d’Abruzzo DOC Riserva 2014
  • Colline Pescaresi IGT Rosso Jarno 2013

Quando?

Mercoledì 11 settembre 2019, ore 21:00.

Dove?

Sheraton Lake Como Hotel
Via Per Cernobbio 41/A
22100 Como (CO)

Guarda la mappa

Posteggio coperto gratuito disponibile a 50 metri dall’Hotel.

Costo e Pagamento

  • 30,00 euro per i soci AIS in regola con la quota associativa 2019
  • 40,00 euro per gli accompagnatori

Posti disponibili limitati.

Approfitta della promozione. Se ti iscrivi anche alla degustazione “I vini sudafricani” con Guido Invernizzi in programma il 19 settembre 2019, potrai usufruire del prezzo agevolato di 60,00 EUR (soci) e 80,00 EUR (accompagnatori) per entrambi gli eventi. Lo sconto sarà applicato sul costo del biglietto per la serata del 19 settembre.

Iscrizioni

Puoi iscriverti alla degustazione compilando il modulo seguente.

A valle dell’iscrizione ti sarà inviata una email di conferma.

 

Photo Credits: Podere Castorani

I vini sudafricani, con Guido Invernizzi

Vi aspettiamo giovedì 19 settembre in compagnia di Guido Invernizzi per conoscere l’affascinante storia dei vini sudafricani, e degustare insieme 6 etichette.

Si racconta che la storia della vite in Sudafrica affonda le sue radici nella seconda metà del 1600, quando i coloni olandesi della Compagnia delle Indie arrivarono al Capo di Buona Speranza e iniziarono a trasformare l’area in una delle più grandi stazioni di rifornimento della Via delle Spezie.

Jan van Rieebek fu il primo comandante della colonia e fu lui a dare il via alla viticoltura nella penisola del Capo, con le prime barbatelle traportate direttamente dall’Europa. L’obiettivo delle prime viti però non era quello di produrre vino, bensì succo d’uva da dare a mercanti e marinai in viaggio per combattere lo scorbuto.

Ma fu solo verso la fine del secolo, con l’arrivo degli ugonotti in fuga dalle ire di Luigi XIV, che il Sudafrica iniziò ad affermarsi anche come produttore di vino.

Nel 1700 e 1800 i vini sudafricani conobbero un grande splendore, paragonati persino ai pregiati Tokaji ungheresi. Ma la fillossera di fine 1800 sterminò quasi tutte le piante, e i viticoltori si videro costretti a sostituire tutte le viti.

Fu così che… be’ il resto lo scopriremo insieme con Guido e con 6 delle sue etichette preferite.

I vini in degustazione

  • Krone Borealis Brut 2017
  • Nabygelegen Scaramanga White 2016
  • Diemersdal Sauvignon Blanc 2018
  • Spier Vintage Selection Shiraz 2015
  • Diemersfontein Pinotage Coffee Chocolate 2016
  • Slanghoek Hanepoot Jerepigo 2016

Quando?

Giovedì 19 settembre 2019, ore 21:00.

Dove?

Sheraton Lake Como Hotel
Via Per Cernobbio 41/A
22100 Como (CO)

Guarda la mappa

Posteggio coperto gratuito disponibile a 50 metri dall’hotel.

Costo e Pagamento

  • 35,00 euro per i soci AIS in regola con la quota associativa 2019
  • 45,00 euro per gli accompagnatori

Approfitta della promozione. Se partecipi anche alla degustazione “Dal podio alla vigna: Jarno Trulli e i vini del Podere Castorani” in programma per l’11 settembre 2019, potrai usufruire del prezzo agevolato di:

  • 30,00 euro per i soci AIS (anziché 35,00 euro)
  • 40,00 euro per gli accompagnatori (anziché 45,00 euro)

Posti disponibili limitati.

Iscrizioni

Le prenotazioni sono al completo.

Da questo momento accettiamo solo prenotazioni in lista d’attesa.

A valle dell’iscrizione alla lista d’attesa sarà inviata una email di conferma e contatteremo individualmente in caso di posti che si dovessero liberare.

 

Photo Credits: Matthieu Joannon.

Serata dei saluti ai Tigli in Theoria ✼

L’estate comasca è già in pieno vigore e tra poco anche noi della Delegazione ci congediamo per le vacanze estive, prima di riprendere a settembre con i nuovi corsi e un fitto calendario di eventi.

Per celebrare la conclusione di questo intenso anno trascorso insieme, vi aspettiamo venerdì 19 luglio per la consueta serata dei saluti.

In collaborazione con il prestigioso ristorante I Tigli in Theoria ✼ e la sua enoteca DiWinum abbiamo organizzato un percorso enogastronomico… stellare!

In programma

  • Alle 19:30 ci troveremo all’enoteca DiWinum per un brindisi di benvenuto.
  • Alle 20:00 ci sposteremo ai Tigli in Theoria ✼ per l’inizio della degustazione.
  • A fine percorso ci saluteremo al bar con caffè e piccola pasticceria.

Il menu e gli abbinamenti

In collaborazione con lo Chef Franco Caffara e la sua squadra, vi proponiamo un elegante menu a 3 portate con 3 prestigiosi vini in abbinamento:

Baccalà tenero affumicato con gazpacho bianco
Brut Rosé Dolomiti di Pojer e Sandri

Carpaccio di tonno con guacamole
Gewürztraminer Nussbaumer di Tramin Kellerei

Gambero rosso con salsa di cavolfiore giallo, carapace fritto, salty finger e perline di lampone
Moscato Rosa di Marco Felluga

Caffè e piccola pasticceria

Quando?

Venerdì 19 luglio, ore 19:30.

Dove?

DiWinum
Via Bianchi Giovini, 14
22100 Como (CO)

Guarda la mappa

Il ristorante e l’enoteca sono in area ZTL e non è possibile accedervi in macchina. Per posteggiare l’auto vi consigliamo l’Autosilo Valduce di Viale Lecco oppure i parcheggi a strisce blu dei giardini pubblici vicino allo Stadio Giuseppe Sinigaglia.

Costo e pagamento

Il costo della serata è di 50,00 euro per i soci AIS in regola con la quota associativa 2019 e per gli accompagnatori.

Considerata l’esclusiva location, il numero di partecipanti all’evento sarà contenuto a sole 30 persone.

Iscrizioni

Le prenotazioni sono al completo.

Da questo momento accettiamo solo prenotazioni in lista d’attesa.

A valle dell’iscrizione alla lista d’attesa sarà inviata una email di conferma e contatteremo individualmente in caso di posti che si dovessero liberare.

 

Photo Credits: Tigli in Theoria

PIWI: i vitigni resistenti in Lombardia

Giovedì 20 giugno alle ore 21 ospiteremo 4 produttori di PIWI Lombardia e scopriremo il mondo dei vitigni resistenti, un movimento che sta prendendo sempre più piede in Italia e nel mondo.

I PIWI (dal tedesco Pilzwiderstandfähig, resistente ai funghi) sono vitigni nati da incroci e selezioni accurate che permettono di eliminare del tutto o quasi i trattamenti in vigna.

Questi vitigni vengono piantati soprattutto nell’arco alpino e permettono di ottenere un prodotto naturale anche in zone proibitive dove sarebbe impossibile fare viticoltura convenzionale senza l’utilizzo di particolari trattamenti. Meno stress per il suolo, visto il ridotto numero di passaggi di macchinari, zero coadiuvanti e additivi in vinificazione poichè i PIWI offrono una materia prima sana e pulita.

I vini in degustazione

  • Spumante rifermentato Magy 2017
    Maurizio Herman
  • Bianco Vagabondo 2018
    Marcel Zanolari
  • Bianco Idol 2017
    Cooperativa Alpi dell’Adamello
  • Bianco 310 2017
    Nove Lune
  • Orange wine Orange 2017
    Maurizio Herman
  • Orange wine Rukh 2017
    Nove Lune
  • Rosso Vagabondo 2009
    Marcel Zanolari

I relatori

Alessandro Sala. Sommelier ed Enologo Bergamasco è il Presidente PIWI Lombardia. “Volevo arrivare a produrre vini di qualità senza inquinare me stesso, l’ambiente e il consumatore finale; ci sono riuscito utilizzando i vitigni resistenti”.

Quando?

Giovedì 20 giugno 2019, ore 21:00.

Dove?

Sheraton Lake Como Hotel
Via Per Cernobbio 41/A
22100 Como (CO)

Guarda la mappa

Posteggio coperto gratuito disponibile a 50 metri dall’hotel.

 

Photo Credits: PIWI International

Magiche espressioni del bianco di Borgogna

Come i grandi appassionati ben sanno, in Borgogna si verifica un curioso paradosso: il rosso, quintessenza di eleganza, originalità aromatica e delicatezza di tocco, vi ha un che di lirico, di lieve, di leggiadro; quasi tutte le aziende che producono “i due colori” lo servono all’inizio. Il bianco, dal canto suo, ha forza, energia e spessore da vendere, talvolta dissimulati dalla gran freschezza e dalla immancabile scia minerale; questo raro insieme di sostanza e dinamismo è alla base del fascino che questi vini esercitano, da sempre e ovunque nel mondo.

Questo carattere riguarda pressoché tutti i bianchi della regione. Ne studieremo sette, scelti sia per la loro forza didattica sia per la loro eccezionale qualità, in un seminario dedicato al tema, per la prima volta trattato in questi termini. Dati storici, ampelografici e ambientali introdurranno le analisi dei singoli terroir e l’assaggio guidato dei sette splendidi vini che abbiamo selezionato.

Conosceremo così più da vicino l’evocazione marina del Saint-Bris, la vibrante tensione dei Grands Crus di Chablis, la voluttuosa ampiezza del Marsannay, il monacale rigore del Morey-Saint-Denis, la vigorosa del Meursault, la sferzata salina dello Chassagne-Montrachet, la classe infinita e la persistenza memorabile del Corton-Charlemagne.

I vini in degustazione

  • Saint-Bris Exogyra Virgula 2017
    Domaine Goisot
  • Chablis Grand Cru Valmur 2017
    Domaine Jean-Paul & Benoit Droin
  • Marsannay Blanc La Charme Aux Prêtres 2016
    Domaine Sylvain Pataille
  • Morey-Saint-Denis Blanc En la Rue de Vergy 2016
    Domaine Bruno Clair
  • Meursault-Perrières Premier Cru 2017
    Domaine Morey-Coffinet
  • Chassagne-Montrachet Premier Cru Les Champs Gains 2016
    Domaine Marc Colin et Fils
  • Corton-Charlemagne Grand Cru 2016
    Domaine Chevalier Père et Fils

Il relatore

Armando Castagno. È uno dei protagonisti assoluti sulla scena del vino e della comunicazione del vino in Italia. Giornalista e scrittore, importante firma della rivista associativa Viniplus di Lombardia, degustatore e relatore AIS da oltre quindici anni, ma anche storico dell’arte e docente di Storia dell’Arte dei Territori del vino presso l’Università di Pollenzo.

Quando?

Giovedì 6 giugno 2019, ore 21:00.

Dove?

Sheraton Lake Como Hotel
Via Per Cernobbio 41/A
22100 Como (CO)

Guarda la mappa

Posteggio coperto gratuito disponibile a 50 metri dall’hotel.

Costo e Pagamento

  • 70,00 euro per i soci AIS in regola.
  • 95,00 euro per gli accompagnatori.

Posti disponibili limitati.

Il pagamento sarà da effettuare esclusivamente con bonifico bancario anticipato. Le coordinate bancarie saranno inviate nell’email di conferma di prenotazione.

Iscrizioni

Le prenotazioni sono al completo.

Da questo momento accettiamo solo prenotazioni in lista d’attesa.

Il modulo che stai cercando di visualizzare non è stato pubblicato.

A valle dell’iscrizione alla lista d’attesa sarà inviata una email di conferma e contatteremo individualmente in caso di posti che si dovessero liberare.

 

Photo Credits: Jeremy Bishop.

La nostra Sardegna: vitigni noti e meno noti dell’isola Nuragica

Forti tradizioni, vitigni autoctoni e produzione limitata che regala sorprese a chi cerca la qualità. È questa la Sardegna del vino di oggi, una regione sorprendente per la varietà e il potenziale dell’offerta vitivinicola. Assaggeremo “eroi regionali” come Cannonau e Vermentino, “illustri semisconosciuti” come Cagnulari e Nuragus, il raro Arvisionadu, due interpretazioni dell’emergente Carignano, e una sorpresa finale.

I vini in degustazione

  • Nuragus di Cagliari DOC Perlas, 2018
    Cantine di Dolianova
  • Isola dei Nurghi IGT G’Oceano, 2017
    Cantina Arvisionadu
  • Vermentino di Gallura Superiore DOCG Roccaia, 2015
    Masone Mannu
  • Isola dei Nuraghi Rosato Spumante IGT
    6 Mura Metodo Classico, 2015

    Cantina Giba
  • Cannonau di Sardegna DOC Mamuthone, 2016
    Giuseppe Sedilesu
  • Isola dei Nuraghi IGT Cagnulari, 2017
    Poderi Parpinello
  • Carignano del Sulcis DOC Riserva Buio Buio, 2017
    Cantina Mesa
  • Vernaccia di Oristano DOC Riserva, 2004
    Silvio Carta
  • Sorpresa finale!

Hanno scelto i vini e guideranno la serata:

Adriana Licciardello, nata a Catania, cresce in un mondo dove il vino è quotidianità perché prodotto a uso familiare dal padre nei luoghi tipici del nerello mascalese. Dopo il diploma si trasferisce a Milano per seguire un corso specialistico di marketing e comunicazione. Dopo qualche anno in agenzia passa a un importante gruppo editoriale americano dove gestisce la comunicazione pubblicitaria e gli eventi sul territorio. Dopo lungo corteggiamento si iscrive al corso per sommelier e ottiene il diploma AIS nel 2012. Nel 2015 supera l’esame da degustatore e nel 2018 quello da relatore per Sicilia e Sardegna. Nella sua attività è fortemente motivata dal desiderio di comunicare e divulgare temi enologici e gastronomici, in particolare delle tipicità locali che da sempre la appassionano.

Marco Misitano nasce a Messina da un papà appassionato di vino e passava le estati nella casa del nonno, quando ancora lo Zibibbo era piantato sulla spiaggia. Una domenica a pranzo una grande bottiglia lo fulmina: scopre che c’è vino e Vino, e da quel momento continua a cercare la sorpresa nel bicchiere. Trent’anni dopo, decide di capire bene cosa c’è nel calice e contatta la delegazione AIS più vicina. Diventa Sommelier nel 2015 e Degustatore l’anno successivo. I vini che lo incuriosiscono di più sono quelli in disuso, le DOC minori, i vitigni poco popolari, le bottiglie provenienti da zone inusuali. Vorrebbe sapere tutto del vino ma, ahimè, più studia  più si rende conto di non sapere.

Quando?

Mercoledì 8 maggio 2019, ore 21:00.

Dove?

Sheraton Lake Como Hotel
Via Per Cernobbio 41/A
22100 Como (CO)

Guarda la mappa

Posteggio coperto gratuito disponibile a 50 metri dall’hotel.

Costo e Pagamento

  • 30,00 euro per i soci AIS in regola.
  • 40,00 euro per gli accompagnatori.

Posti disponibili limitati.

Si può effettuare il pagamento:

  • con bonifico bancario anticipato
  • in contanti nell’ambito della stessa serata.

Iscrizioni

A causa del grandissimo interesse per la serata siamo costretti a chiudere e iscrizioni per il raggiungimento della capienza massima. Da questo momento accettiamo solo prenotazioni in lista d’attesa.

Il modulo che stai cercando di visualizzare non è stato pubblicato.

A valle dell’iscrizione sarà inviata una email di conferma e contatteremo individualmente in caso di posti che si dovessero liberare.

Riesling della Mosella: vecchi tesori dalle tonalità dorate

Mercoledì 17 Aprile Ivano Antonini, miglior Sommelier d’Italia 2008, ci guiderà in un viaggio fra vecchie annate di Riesling della Mosella, alla scoperta di tesori dall’incredibile fascino.

Rocce d’ardesia, grigia e rossa, il calore dei raggi solari riflessi dalle acque del fiume, elevate pendenze dei vigneti, mineralità. Queste le caratteristiche che consentono la produzione di Riesling a cui tutto il mondo guarda con riverenza.

I vini in degustazione

  • Riesling Spätlese Wehlener Sonnenhur
    Kerpen, 2003
  • Riesling Auslese Kaseler Nieschen
    Karlsmühle, 1999
  • Riesling Spätlese Ürziger Würzgarten
    Markus Molitor, 1994
  • Riesling Auslese Ürziger Würzgarten
    Benedict Loosen Erben, 1986
  • Riesling Spätlese Ürziger Würzgarten
    Benedict Loosen Erben, 1977
  • Riesling Spätlese Erdener Treppchen
    Bernhard Jakoby, 1981
  • Riesling Auslese Ürziger Würzgarten
    Schwaab-Kiebel, 1997
  • Riesling Auslese Erdener Treppchen
    Schwaab-Kiebel, 1992

Il relatore:

Ivano Antonini – Millesimo 1973, sommelier professionista dal 1997 e relatore dal 2005. Nel 2001 si laurea come Miglior Sommelier di Lombardia, nel 2006 è proclamato sommelier dell’anno per la Guida de L’Espresso, nel 2007 arrivano altri premi come il Master del Sangiovese ed il Nebbiolo Master, mentre nel 2008 raggiunge il gradino più alto del podio al Miglior Sommelier d’Italia. Nel 2010 partecipa al concorso del Miglior Sommelier del Mondo WSA a Santo Domingo classificandosi quarto. Dal 1995 al 2012 ha lavorato come sommelier nell’hotel-ristorante “Il Sole di Ranco”, stella Michelin sul Lago Maggiore, nel 2013 è titolare del ristorante Blend4 ad Azzate (VA). All’interno dell’AIS fa parte del gruppo di organizzazione dei concorsi.

Quando?

Mercoledì 17 Aprile 2019, ore 21:00.

Continua la lettura di Riesling della Mosella: vecchi tesori dalle tonalità dorate

L’oro del Collio

Vini pregiati e longevi, un universo policromo fatto di sapori, identità e storie personali.

Vi ricordate la serata sullo Schioppettino di Prepotto che abbiamo fatto nel 2017 e le due serate dedicate al Barbaresco dell’anno scorso? Torna a trovarci il grande amico Diego Sburlino e ci accompagnerà in un viaggio alla scoperta di uno dei suoi più grandi amori: il Collio, terra di vini bianchi preziosi e longevi.

Con la collaborazione del Consorzio Collio e del Consorzio Montasio, vi aspettiamo venerdì 15 marzo allo Sheraton Lake Como Hotel alle ore 21 per una nuova serata indimenticabile.

Diego ha selezionato per noi 9 etichette di differenti produttori e annate ormai introvabili. Nove vini bianchi, simili ma diversi, dove ciascuno rispecchia l’appartenenza allo stesso territorio sebbene sia caratterizzato da un’identità e una personalità uniche. Un piacevole gioco di differenze che ritroveremo durante tutta la serata, e il fil rouge sempre presente di una sorprendente longevità.

Ma non è finita qui! In accompagnamento, avremo anche degli assaggi di Montasio di diverse annate.

E per l’occasione ci sarà anche un ospite speciale: Roberto Felluga, produttore di Marco Felluga e Russiz Superiore, e vicepresidente del Consorio Collio.

Il Collio, terra di longevità

Dalle Alpi Giulie fino al mare Adriatico, l’area del Collio si estende in una sottile linea di circa 1500 ettari che viene soprannominata la mezzaluna fertile.

È qui che la perfetta combinazione di sole, suolo e vento ha dato vita nel corso dei secoli alla ponca, il terreno di origine eocenica fatto di marne e arenarie che sa regalarci vini eleganti e strutturati, sapidi e profumati, freschi ed estremamente longevi. Un equilibrio perfetto, sintesi dell’estrema armonia che da secoli lega uomo e natura.

È qui che troviamo la storia di una biodiversità rigogliosa, un racconto di profondo rispetto scritto giorno dopo giorno da tutte le famiglie che curano meticolosamente i loro vigneti come fossero giardini, e che riescono a distillare in ogni bicchiere la ricchezza di sapori, identità e storie personali che caratterizzano questo territorio.

Ed è qui che troviamo l’oro giallo del Collio, le uve a bacca bianca. Sono loro le vere protagoniste di queste terre: riconosciute fin dal medioevo come le più pregiate, sono state messe a dura prova dalla fillossera di fine Ottocento e dalle avversità della Prima Guerra Mondiale, ma alla fine sono uscite vincenti e rinfrancate, e nel 1968 sono state fregiate della Denominazione di Origine Protetta.

Vi aspettiamo in questo viaggio affascinante alla ricerca della longevità, dove riopercorreremo la storia del Collio e assaggeremo nove etichette selezionate, con annate ormai introvabili dal 2013 al 2001, e le accompagneremo con del Montasio in diverse stagionature.

I vini in degustazione

  1. Collio Bianco DOC Col Disôre 2013
    Russiz Superiore
  2. Collio DOC Sauvignon 2013
    Borgo Conventi
  3. Collio DOC Chardonnay 2013
    Ca’ Ronesca
  4. Collio DOC Bianco Riserva Klin Magnum 2012
    Primosic
  5. Collio DOC Friulano Zegla 2012
    Renato Keber
  6. Collio DOC Pinot Bianco Santarosa 2010
    Castello di Spessa
  7. Collio DOC Friulano 2009
    Mauro Drius
  8. Collio DOC Pradis Bianco 2001
    Carlo di Pradis
  9. Collio DOC Friulano Manditocai 2006
    Livon

Il relatore

Diego Sburlino. Classe 1962, avvocato e relatore AIS ai corsi di primo e secondo livello. Di origine friulana, fin da ragazzo profondo estimatore dei vini e della cultura della sua terra, ora è uno dei più grandi ambasciatori dell’enogastronomia del Friuli e gira l’Italia raccontando le affascinanti storie dei piccoli e grandi produttori di questa perla del panorama vitivinicolo italiano.

Quando mi trovo davanti ad una bottiglia nuova e mi accingo a degustarne parte del contenuto ricordo sempre l’insegnamento che il grande Veronelli diceva di avere ricevuto da suo padre “anche se non ti piace rispettalo perchè dietro ci sono la fatica e l’amore di chi lo ha prodotto”.

Di professione faccio l’avvocato e quando il mio lavoro mi porta in giro per l’Italia non manco occasione di visitare nuove cantine, privilegiando i piccoli produttori, che molto spesso mi riservano accoglienza e gentilezza insperate.

Solitamente ogni sera degusto un vino diverso, senza trascurare le bottiglie da poco prezzo rinvenute sugli scaffali dei supermercati evidenziate da cartelli colorati che recano la scritta “offerta”.

(fonte Di Gusto Mangiando)

Quando?

Venerdì 15 marzo 2019 ore 21:00.

Dove?

Sheraton Lake Como Hotel
Via Per Cernobbio 41/A
22100 Como (CO)

Guarda la mappa

Posteggio coperto gratuito disponibile a 50 metri dall’hotel.

Costo e Iscrizioni

Il costo della degustazione è di:

  • 30,00 euro per i soci AIS in regola con la quota associativa
  • 40,00 euro per gli accompagnatori.

Posti disponibili: 80.

Potete effettuare il pagamento:

  • con bonifico bancario anticipato, oppure
  • in contanti nell’ambito della stessa serata.

Per iscrivervi alla degustazione potete utilizzare il modulo online:

Cancellazione della prenotazione

Vi ricordiamo che se avete un imprevisto e dovete rinunciare alla degustazione, potete disdire fino a 3 giorni prima senza alcuna penale. In alternativa potete trovare un sostituto socio che partecipi al vostro posto.

In caso di assenza o di disdetta con meno di tre giorni di preavviso, vi sarà ugualmente addebitato l’intero importo.

Vi aspettiamo. Un cordiale saluto a tutti.

 

Photo Credits: Consorzio Collio.

I vini d’Abruzzo, con Guido Invernizzi

Venerdì 15 febbraio 2019 alle ore 21:00 vi aspettiamo presso lo Sheraton Lake Como Hotel per una serata alla scoperta dell’Abruzzo, in compagnia di Guido Invernizzi.

L’Abruzzo del vino

Una grande eterogeneità di climi e paesaggi; una forte e radicata tradizione contadina che vede nella vite e nell’ulivo due cardini dell’agricoltura regionale; un passato, oramai sempre più remoto, legato soprattutto più ai grandi volumi che non alle micro-differenze qualitative tra i vari terroir; e infine un futuro che probabilmente deve ancora svelare tutte le sue enormi potenzialità.

Non è solo l’Abruzzo del vino ad avere queste caratteristiche, ma certamente qui sono presenti storie e uomini che difficilmente lasciano gli appassionati indifferenti. Anzi.

Le grandi produzioni del sud, nel chietino, convivono con quelle più piccole che si rivolgono a consumatori amanti dei vini che sanno dare il meglio di sé con il passare del tempo.

E questo avviene per merito della valorizzazione di due vitigni autoctoni, da sempre portabandiera del territorio: montepulciano e trebbiano, dai quali è possibile ottenere vini anonimi, ma anche grandissimi prodotti tra i rappresentanti più affascinanti dell’intero panorama vitivinicolo italiano.

A montepulciano e trebbiano si sono affiancati ormai da qualche altro anche altri vitigni locali, mai abbandonati, ma che solo recentemente hanno conquistato il favore dei consumatori e della critica, come ad esempio il pecorino.

Saranno proprio questi tre i vitigni protagonisti della nostra serata, degli ottimi compagni per scoprire questa meravigliosa regione del vino italiana.

I vini in degustazione

  1. Pecorino Spumante Brut
    Cantina San Giacomo
  2. Abruzzo Pecorino DOP Collecivetta 2015
    Società Agricola Pasetti
  3. Bianco Terre Aquilane IGT TestaRossa 2014
    Società Agricola Pasetti
  4. Montepulciano d’Abruzzo DOP 2015
    Zeropuro
  5. Montepulciano d’Abruzzo Riserva DOC Rubesto 2013
    Cantina Frentana
  6. Montepulciano d’Abruzzo Riserva DOP Duca Thaulero 2011
    Cantina Casal Thaulero

Il relatore

Guido Invernizzi. Novarese di nascita, laureato in medicina e specializzato in chirurgia generale, opera presso l’ospedale Maggiore di Novara. Noto ed apprezzato relatore abilitato per numerose lezione di tutti i livelli, tiene regolarmente lezioni e degustazioni in Italia e all’estero.

Quando?

Venerdì 15 febbraio 2019 ore 21:00.

Dove?

Sheraton Lake Como Hotel
Via Per Cernobbio 41/A
22100 Como (CO)

Guarda la mappa

Posteggio coperto gratuito disponibile a 50 metri dall’hotel.

Costo e Iscrizioni

Il costo della degustazione è di:

  • 30,00 euro per i soci AIS in regola con la quota associativa
  • 40,00 euro per gli accompagnatori.

Posti disponibili: 70.

Potete effettuare il pagamento:

  • con bonifico bancario anticipato, oppure
  • in contanti nell’ambito della stessa serata.

Per iscrivervi alla degustazione potete utilizzare il modulo online:

Cancellazione della prenotazione

Vi ricordiamo che se avete un imprevisto e dovete rinunciare alla degustazione, potete disdire fino a 3 giorni prima senza alcuna penale. In alternativa potete trovare un sostituto socio che partecipi al vostro posto.

In caso di assenza o di disdetta con meno di tre giorni di preavviso, vi sarà ugualmente addebitato l’intero importo.

Vi aspettiamo. Un cordiale saluto a tutti.

Irish Whiskey: la rinascita di un grande distillato che ha rischiato l’estinzione

Mercoledi 23 gennaio 2019 alle ore 21:00 vi aspettiamo presso lo Sheraton Lake Como Hotel per una serata di approfondimento dedicata all’Irish Whiskey, un prodotto in costante crescita, tutto da riscoprire.

Il whiskey irlandese

Nei primi anni del 1800 il Whiskey irlandese godeva di ottima salute, era venduto in tutto il mondo, il suo mercato principale erano gli USA ed erano attive oltre 100 distillerie. Una serie di eventi storici e politici hanno di fatto affossato questo distillato, costringendo molte distillerie a chiudere, al punto che alla fine della seconda guerra mondiale ne rimasero solo 4.

Un primo segnale di rinascita si ebbe nel 1987 quando l’imprenditore John Teeling fondò la Colley Distillery. Da quel momento in poi si assistette a un interesse sempre crescente nei confronti del whiskey, e molte nuove distillerie iniziarono la loro attività che prosegue ancora oggi: alcune legate alle multinazionali, altre indipendenti; alcune con uno sguardo alla tradizione, altre invece con brand giovani e accattivanti.

Nel corso di questa serata ripercorreremo insieme i principali momenti storici dell’Irish Whiskey, con un focus sul mercato attuale, studieremo le principali tipologie e assaggeremo alcuni prodotti oggi di non facile reperibilità sul mercato ma che speriamo a breve diventino dei nuovi classici.

I whiskey in degustazione

  1. Single Grain 46%
    Teeling
  2. Single Malt 46%
    Teeling
  3. The Irishman Single Malt 40%
    Walsh Distillery
  4. Single Pot Still Whiskey 40% 12 Y.O.
    Redbreast

Il relatore

Giancarlo Aletto. Classe 1979 nato a Terni, trapiantato a Saronno da bambino. Sommelier e degustatore ufficiale AIS dal 2012, in qualità di Degustatore collabora con AIS Lombardia per le guide Vitae e Viniplus. Ha ottenuto abilitazione a relatore per birre e distillati nel 2016. Adora la calda atmosfera del tipico pub inglese, dalle serate in birreria con gli amici al fermentatore casalingo il passo è stato breve. Nel tempo libero si allena degustando vini, birre e distillati.

Quando?

Mercoledì 23 gennaio 2019 ore 21:00.

Dove?

Sheraton Lake Como Hotel
Via Per Cernobbio 41/A
22100 Como (CO)

Guarda la mappa

Posteggio coperto gratuito disponibile a 50 metri dall’hotel.

Costo e Iscrizioni

Il costo della degustazione è di:

  • 25,00 euro per i soci AIS in regola con  la quota associativa
  • 35,00 euro per gli accompagnatori.

Potete effettuare il pagamento:

  • con bonifico bancario anticipato, oppure
  • in contanti nell’ambito della stessa serata.

Per iscrivervi alla degustazione potete utilizzare il modulo online:

Cancellazione della prenotazione

Vi ricordiamo che se avete un imprevisto e dovete rinunciare alla degustazione, potete disdire fino a 3 giorni prima senza alcuna penale. In alternativa potete trovare un sostituto socio che partecipi al vostro posto.

In caso di assenza o di disdetta con meno di tre giorni di preavviso, vi sarà ugualmente addebitato l’intero importo.

Vi aspettiamo. Un cordiale saluto a tutti.